Impero di Lyzanthi
Nazione: Lyzanthi
Bandiera: bandiera.jpg
Capitale: Lyzanthium
Governo: Impero
Governante: Imperatore Tarenthium IV
Popolazione: 10.400.000
Razze: Umani, Syrneth, Elfi

L'Impero di Lyzanthi, chiamato anche l'Impero del Serpente, si estende su due continenti dominando lo stretto di Nogal e per riflesso su ogni accesso a oriente. Lyzanthi è una delle più importanti nazioni umane e fu fondata sui resti dell'antico impero Numano; sull'Impero regna una stirpe nobiliare che traccia il suo lignaggio sin dai tempi del primo impero. Lyzanthi è una potenza mondiale, il suo braccio si estende più o meno direttamente su tutto il continente e anche oltre; sostenuto da un esercito formidabile e da una flotta di prim'ordine.

Eppure l'impero di Lyzanthi non è più la potenza assoluta che era un tempo. Quando era ancora parte dell'Impero Numano, Lyzanthi era il cuore delle ricche provincie orientali. Con la caduta della parte occidentale, causato dalla nascita della nuova religione della Chiesa dei Profeti, la capitale imperiale si spostò a est. L'impero dovette riorganizzarsi, ma nel giro di pochi decenni fu in grado di tornare all'offensiva e recuperare gran parte del suo potere. Le sue armate si spinsero sino a conquistare gran parte di Aldera, del nord di Peshni e del sud di Vyezdna.

Spinte indipendentiste e una oggettiva difficoltà a mantenere una presenza costante in quei territori hanno costretto gli imperatori a rinunciare a parte delle proprie conquiste per rinsaldare il potere sulle loro terre. La scelta non ha funzionato pienamente e sebbene oggi l'Impero sia più sicuro, è anche fortemente instabile.

L'impero è retto da un ordinamento che limita i poteri del monarca e concede innumerevoli poteri ai suoi Esarchi o Governatori e a tutta una serie di burocrati di rango inferiore, contribuendo a costruire una società fortemente iniqua retta sulla corruzione. Il fatto che l'Imperatore abbia pieno controllo di tutto l'esercito d'altra parte gli permette di intervenire con la forza quando gli Esarchi escono eccessivamente dal tracciato. Questo non vuol dire ovviamente che tali provvedimenti vengano usati sempre o che l'esercito stesso sia incorruttibile.

Lyzanthi è una nazione caratterizzata da un imperialismo rampante, ma chiusa alle influenze esterne. Ciononostante è uno dei più importanti baluardi della civiltà umana sul continente, specialmente per quanto riguarda la minaccia degli elfi del sud. Anche se Lyzanthi è soggetta a un lento declino dal quale sembra non riuscire a risollevarsi, resta comunque una potenza senza pari che persino gli elfi rispettano e temono.

Città importanti

Lyzanthi

La capitale dell'impero sorge sulle rive del mare dello stretto di Darnelish. Ai tempi dell'impero Numano veniva considerata la gemma dell’est e la seconda città per importanza al mondo, ma da quando l'impero si spaccò in due la città ha acquistato in prestigio e ricchezza, divenendo probabilmente il centro del mondo orientale se non la città più grande in assoluto. Lyzanthi è tecnicamente divisa in due parti: i quartieri alti, ricchi e potenti, e i quartieri bassi, poveri e malsani. Con l’ombra della rivolta sempre presente l’unica cosa che impedisce tali manifestazioni è il potere degli esarchi imperiali, temuti da tutti, anche dai nobili.

Telerin

Molto tempo fa la città apparteneva alla corona elfica di Peshni. Telerin è un importante scalo commerciale tra occidente e oriente e tiene in contatto l’Impero con le navi mercantili di Aldera la Santa Terra. La città è pesantemente fortificata e come scopo secondario ha quello di chiudere il passaggio navale nella Fenditura. Recentemente sono arrivati numerosi esarchi che hanno installato alcune loro fortificazioni nei pressi della città, irritando notevolmente i cittadini e i commercianti.

Arsia

Una città povera, in questo luogo sono ancora visibili le tracce di uno dei primi regni umani formatisi durante il periodo Numano e distrutto dopo l’avanzata dell'Impero; tanto che al centro della città sorge una splendida piramide di pietra. La piramide è stata esplorata più volte, ma si sospetta che ci sia molto da vedere ancora. Qualcuno ipotizza che la piramide sia un’entrata per il mondo sotterraneo. Arsia è famosa anche per la sua consistente popolazione di Syrneth e Elfi.

Ferendi

Questa città portuale è da molti definita “La Forte” per via della poderosa triplice cinta di mura e per lo spirito indomito dei suoi abitanti. Fu fondata cinquant'anni fa dai superstiti della distruzione di Dean. Da qui partono i mercanti diretti a est in cerca di spezie e merci esotiche.

Luoghi d'interesse

Palazzo di Khamal

È un elegante palazzo situato al confine con Peshni, costruito con sfarzo e provvisto di guglie e torri su cui sventola il simbolo della Vipera, vessillo del bandito Khamal Darebb, un uomo crudele che controlla alcune centinaia di predoni ma che finora l'Imperatore non ha voluto punire nonostante egli sia il terrore delle carovane mercantili che tentano di attraversare l’impero. Ci sono forti sospetti che il furbo bandito sia in realtà controllato da un membro influente della nobiltà Lyzanthiana e che l'Imperatore finora non abbia voluto intervenire per non suscitare attriti con i suoi esarchi.

Bosco di Valsharam

E' la foresta che si estende sulla costa meridionale dell'impero. Si dice sia infestata da demoni e contaminata da secoli e e secoli di corruzione alimentata dai rituali di alcuni druidi oscuri. Damanthar è un complesso di rovine Syrneth costruito in tempi remoti e abbandonato dopo gli attacchi degli Elfi da sud.

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License